Le Alpi sono state naturale passaggio attraverso il quale le genti hanno imparato a conoscersi, a scambiare manufatti e idee, a crescere insieme, mantenendo un rapporto rispettoso tra l’uomo e l’ambiente. Oggi i versanti alpini ospitano luoghi e memorie che costituiscono un ponte naturale per rafforzare l’idea di una cultura comune, che riguarda sia le città che i territori montani che aspirano a rinnovare questo rapporto tra l’uomo contemporaneo e la natura, favorendo una fruizione della montagna attiva e consapevole, che non sia considerata quale luogo del turismo di massa ma sia vissuta come occasione di crescita e di arricchimento dell’anima.

In quest’ottica s’inserisce “DALLA TERRA LA CIELO – Storie di montagna tra il comune e lo straordinario”, racconto in cinque tappe che attraversa quasi un secolo di straordinaria storia italiana in un contesto dall’inestimabile valore paesaggistico, l’ambiente montano che dall’Appennino ligure arriva alla vetta del Cervino, attraversando le catene delle Alpi Occidentali.

Cinque luoghi per conoscere e raccontare la montagna attraverso le parole e i suoni di attori, scrittori, musicisti e narratori: Carlot-ta, Giuseppe Cederna, Wuming 2, Giorgio Li Calzi, Giuseppe Battiston e Piero Sidoti, Enrico Camanni, Marco Magnone e Pietro Ballestrero.

Oltre ai concerti acustici e ai reading della sera, il programma prevede laboratori musicali e workshop letterari pomeridiani.

“DALLA TERRA LA CIELO – Storie di montagna tra il comune e lo straordinario” è organizzato e promosso da Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour in collaborazione con Sweet Sounds nell’ambito di Torino e le Alpi, il programma della Compagnia di San Paolo che mira a rafforzare il rapporto tra la città e il suo arco alpino, per il beneficio di entrambi.

 
Sweet-Sounds---Rosso-Verticale
hiroshima
lealpi
logo-cai